THYSSENKRUPP: PENE RIDOTTE. LA RABBIA DEI PARENTI DEGLI OPERAI

 Rocco Marzo, Angelo Laurino, Antonio Schiavone, Giuseppe Demasi, Roberto Scola,  Bruno Santino, Rosario Rodinò.
Rocco Marzo, Angelo Laurino, Antonio Schiavone, Giuseppe Demasi, Roberto Scola, Bruno Santino, Rosario Rodinò.

Pene ridotte in appello per i sei imputati del processo Thyssenkrupp: l’omicidio volontario è stato derubricato in  omicidio colposo con colpa cosciente. Oggi la Corte d’Assise di Torino, presieduta da Gian Giacomo Sandrelli,  ha ammorbidito le pene per i sei imputati a giudizio per il rogo scoppiato nel dicembre del 2007 che causò la morte di 7 operai della linea 5:  Antonio Schiavone, Roberto Scola, Angelo Laurino, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò, Giuseppe Demasi.

Harald Espenhahn, AD dell’acciaieria si vede così ridotta la pena, rispetto al dispositivo di primo grado, da 16 a 10 anni. Sette anni agli altri membri del CdA Gerald Priegnitz e Marco Pucci, otto anni  per il direttore dello stabilimento Raffaele Salerno e per il responsabile della sicurezza Cosimo Cafueri, nove per il dirigente Daniele Moroni.

Nel video, la rabbia e il dolore dei parenti degli operai morti tra le fiamme dell’acciaieria, che hanno occupato l’aula gridando vergogna.

Fotogalleries: La Repubblica, La Stampa.

Comunicato stampa di Medicina Democratica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...