I VAJONT

Lucia VastanoMaura Crudeli, Federico Alotto

Il Vajont è come un fiume dentro il quale ci finiscono tutti i torrenti che raccontano le storie di cosa sia capace l’uomo per profitto, avidità, potere e indifferenza. Nel Vajont ci si inciampa sempre e ovunque, da Longarone a L’Aquila e Viareggio, dalla Fibronit di Broni all’Eureco di Paderno Dugnano, dal Porto di Genova alla Thyssenkrupp di Terni.

I Vajont” è un video-racconto ideato e scritto dalla giornalista Lucia Vastano, girato da Maura Crudeli e Federico Alotto con il sostegno di Medicina Democratica e Associazione Italiana Esposti Amianto.

Non c’è un solo Vajont, ma tanti Vajont che urlano di essere ascoltati: c’è la difesa del profitto e dei posti di lavoro sopra tutto, persino la vita stessa dei lavoratori e di chi abita il territorio; ci sono le grandi opere da mandare avanti, ci sono i depistaggi con la complicità della stampa, ci sono le perizie mediche e degli esperti che valgono soltanto quando sono favorevoli alle imprese, ci sono gli sperperi per la ricostruzione, ci sono le vittime e i testimoni perseguitati e ci sono le sentenze dei tribunali che non arrivano mai a colpire gli alti vertici.

I meccanismi del Vajont si ripropongono in continuazione. Dobbiamo imparare ad ascoltare le voci dei vinti: questo è l’unico sistema per un progresso reale della società.

Quello che è successo a Vajont è stata come la prima grande messa in scena di caste complici e mafiose per perseguire i loro interessi a scapito della comunità. Uno scenario che si ripete dopo ogni tragedia, con gli stessi vincitori, sempre arroganti, e gli stessi vinti, sempre soli a lottare per la giustizia che dovrebbe essere patrimonio comune.

Annunci