Archivi categoria: Europa

MONSANTO: L’INCHIESTA DI LE MONDE/2

Stéphane Foucart, Stéphane Horel (*)

È difficile far passare la Iarc (International Agency for Research on Cancer) per un’istituzione discutibile, caratterizzata da un atteggiamento “contrario all’industria” e contestata all’interno della stessa comunità scientifica.
Per la grande maggioranza degli scienziati, l’agenzia legata all’Oms è un baluardo d’indipendenza e integrità.
Sinceramente faccio fatica a immaginare un modo più rigoroso e obiettivo di realizzare esperimenti scientifici collettivi”, dice l’epidemiologo Marcel Goldberg, ricercatore dell’Istituto nazionale francese per la salute e la ricerca medica (Inserm), che ha partecipato a diverse monografie della Iarc. Continua a leggere MONSANTO: L’INCHIESTA DI LE MONDE/2

Annunci

IL FILO ROSSO DELL’AMIANTO E DI STEPHEN SCHMIDHEINY TRA ITALIA E AMERICA LATINA

Fabrizio Lorusso (*)

Amianto dangerLo portavano sempre con sé i pompieri, dentro le loro uniformi. Isola tetti, pareti e tubature. E’ fibroso, incombustibile, mortale. Non è un indovinello, ma la descrizione dell’amianto o di una sua varietà, l’asbesto, un minerale di fibre bianche, flessibili e assassine. Continua a leggere IL FILO ROSSO DELL’AMIANTO E DI STEPHEN SCHMIDHEINY TRA ITALIA E AMERICA LATINA

MEMORIE: A 50 ANNI DA MATTMARK

Maurizio di Fazio (*)

MattmarkIl 30 agosto del 1965, cinquant’anni fa esatti, si consumò l’ultima tragedia dell’emigrazione italiana: a Mattmark, in Svizzera, dove si stava edificando la diga in terra più grande d’Europa, una valanga di oltre due milioni di metri cubi di ghiaccio travolse e seppellì le baracche, la mensa e le officine sottostanti. Morirono, sul colpo, 88 lavoratori; e di questi 56 erano italiani. Continua a leggere MEMORIE: A 50 ANNI DA MATTMARK

MAL DI MARE

di M. Widmann,  da Internazionale n. 1078.

Portacontainer AmburgoUn tempo si pensava che la vita dei marinai fosse piena di avventure. In realtà è un lavoro duro che a volte si basa su gravi forme di sfruttamento. Ecco cosa succede nel porto di Amburgo

Chi ha viaggiato per mare qui si sente subito a casa, perché questo posto ricorda il ventre di una nave: dal soffitto arriva una debole luce al neon e nei corridoi ci sono corrimano di ferro fissati alle pareti. Il pavimento, però, non oscilla. Nel seminterrato dell’ospedale Groß-Sand di Wilhelmsburg, ad Amburgo, sono le vite umane che rischiano di andare a fondo. Continua a leggere MAL DI MARE