Massimo Battista

Massimo Battista entrò all’ILVA di Taranto nel 1998. Diventato RLS e delegato Fiom cominciò a collezionare  provvedimenti disciplinari a causa delle sue denunce sulla mancanza di sicurezza nell’acciaieria.

Insieme ad altri colleghi venne licenziato  il 7 luglio del 2005 per aver diffuso un comunicato di sciopero sulla mancanza di sicurezza nello stabilimento. Nel 2007 il giudice dispose il reintegro, e nello stesso anno Battista si dimise dal sindacato, perché “non lo rappresentava più”.

Da allora, una volta venuta a mancare la copertura sindacale, è stato spedito dall’azienda a “contare le barche che passano”, come  gli dissero i suoi capi quando gli indicarono il nuovo posto di lavoro. Venne confinato alla Lega navale, una struttura lontana dallo stabilimento adibita a  dopolavoro, dove Battista non ha nessuna mansione (come ai tempi della palazzina Laf !).

Massimo non si scoraggia e promuove assieme ad altri la nascita del “Comitato Cittadini e Lavoratori liberi e pensanti”. Attualmente ha presentato denuncia per mobbing.

Giuseppe Giusto, Conta le barche. La vera storia di Massimo Battista, 2012.

Guardalo in rete.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...