Sindacalismo complice

Ilva di Taranto: omertà sulla sicurezza in fabbrica in cambio di permessi sindacali

di Girolamo De Michele

In un servizio del TG3 andato in onda il 9 ottobre 2012 viene mostrato il testo di un accordo tra l’Ilva e i sindacati. L’intesa sottoscritta da UILM, FIM e FIOM prevede, in cambio della concessione di 21.000 ore di permessi sindacali, il divieto per le parti sociali di denunciare ad enti esterni (ASL, magistratura, organi d’informazione, forze dell’ordine) “situazioni pericolose sul lavoro”.  Continua su Carmillaonline.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Sempre all’Ilva di Taranto, Riva passava 400.000 euro l’anno al circolo aziendale gestito dai sindacati confederali: Ilva, Bondi taglia il Vaccarella, da Inchiosto Verde”, 19 settembre 2013.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Ferrovie: alla DTP di Bologna contrattato al ribasso il riposo fra un turno e l’altro

E’ superfluo spiegare come possa influire sulla salute la mancanza di riposo e di recupero psicofisico fra un turno di lavoro e l’altro. Il D. Lgs. n. 66/03 sulla disciplina dell’orario di lavoro prevede che il riposo giornaliero non sia inferiore a 11 ore. Lo stesso decreto però ammette la possibilità di deroghe definite dalla contrattazione collettiva. E così  FILT, FIT, UILT, UGL, FAST e Orsa hanno prontamente derogato con l’accordo del 4.12.12, portando a 8 ore lo stacco fra il turno della mattina e il notturno per il personale della DTP di Bologna. Secondo questi sindacati in queste 8 ore i lavoratori  dovrebbero riuscire a tornare a casa (tenendo conto che molti abitano in comuni diversi da quello del luogo di lavoro), riposarsi sufficientemente per affrontare il turno di notte, cenare, ritornare al lavoro… che per fare tutto questo già le 11 ore di prima erano poche. Se poi uno si infortuna durante il turno di notte perché è rincoglionito dal sonno, la colpa è della solita distrazione dei ferrovieri che mentre lavorano chissà a che pensano.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

CISL Nazionale e FILCA/CISL  sostengono il decreto  Clini che permette di bruciare i rifiuti nei cementifici.

Se non ci credi, clikka qui.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Enichem di Ravenna. 

«Eravamo in sessanta all’inizio a fare causa. Poi sono intervenuti i sindacati e siamo rimasti in dieci. Non le sembra una cosa strana? Noi dieci però abbiamo vinto la causa e ora gli altri stanno cercando di fare lo stesso percorso». Gilberto Gaudenzi, ex operaio Enichem, referente ravennate dell’Associazione Esposti Amianto (AEA),

L’associazione esposti amianto: i sindacati chi tutelano davvero ?, Ravenna e dintorni, 26 marzo 2013.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Breda di Sesto San Giovanni. I sindacati sapevano del rischio amianto e non hanno avvertito i lavoratori.

Guarda l‘intervista a Michele Michelino, del Comitato per la difesa della salute nei luoghi di lavoro e nel territorio di Sesto San Giovanni.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

La CGIL di Lucca difende Mauro Moretti

Una mozione intitolata “Per la sicurezza in ferrovia, per le dimissioni di Moretti da Ad delle ferrovie” presentata al congresso provinciale di Lucca della Cgil del marzo 2014 ha ottenuto solo 49 voti a favore, ben 76 contrari e 19 astenuti e quindi è stata respinta. Leggi l’articolo su Contropiano e guarda il video.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...