ILVA di Taranto

In questa sezione vengono raccolti i materiali sulle nocività e infortuni subiti dai lavoratori dell’ILVA di Taranto. I materiali riguardanti l’impatto ambientale dell’acciaieria sulla città e il territorio sono raccolti nella sezione Nocività & Territori – Puglia – Taranto .

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Stralci dal libro: Fulvio Colucci e Giuse Alemanno, Invisibili. Vivere e morire all’Ilva di Taranto, Edizioni Kurumuny, 2011, 111 p.

 “Mai un giovane lavoratore si lamenterà perché l’azienda infrange le regole, anzi: A disposizione – raccontano – c’è tutto quello che la legge prevede dal punto di vista della sicurezza personale: dal casco, alla tuta, ai guanti”.

“I lavoratori dell’appalto sembrano gli ultimi degli ultimi, a volte vedo capisquadra che che approfittano di quelli delle ditte sottomettendoli. C’è chi lavorava con i jeans, chi ha indossato la tuta marrone. Con la polvere, di notte, è ancora più invisibile. Rischia di essere schiacciato da camion e auto.  Io ogni giorno faccio cinque chilometri a piedi, con la polvere; certe volte mi esce il sangue dal naso perché la polvere nel naso si indurisce. Come i pensieri cattivi. Mi hanno impressionato i lavoratori sulle passerelle  a 90 metri di altezza. Vai giù e nemmeno ti accorgi che sei morto. … Agli ingegneri segnaliamo tutto. I carriponte sono pericolosi, rischiano di cadere con un peso di 50 tonnellate. Se cadono è una strage.…Chi si trova sul fronte del fuoco, o ad altezze così è più chiuso, non ha voglia di parlare. Mi sono trovato vicino alla ghisa liquida quando prende fuoco, una bomba che fa tremare tutto in un raggio di chilometri. Lo scoppio è improvviso, lo senti davvero nelle viscere. Ti stordisce, ti afferra, ti svuota.” .

“Lavoro al rifacimento dell’altoforno, ho incontrato un marocchino assunto da una ditta canadese. Ora stanno lì: africani, indiani, turchi. Lavorano indossando quello che trovano: entrano nel forno, smantellano i refrattari, senza maschere. E’ venuta l’ASL, ha fatto i controlli. L’amianto è stato smantellato da un’azienda specializzata. Gli extracomunitari sono andati allo sbaraglio. Il forno è diventato una torre di babele ed è pericoloso, se non ci capiamo. Un collega si è sentito male, aveva mal di testa, stava impallidendo. Si è poggiato vicino ad una saldatrice, l’ho afferrato per un braccio, stava svenendo, ho chiamato il capo al telefonino: vieni a darmi una mano. Lo abbiamo steso a terra, un’ambulanza lo ha recuperato, portandolo in infermeria. L’ambulanza rallentava perché la strada era disseminata di materiale che ostacolava l’arrivo. Il collega aveva la spalla rotta da una corda che lo aveva colpito. Non volevamo crederci. E dicevamo al collega “dai, avanti cammina!” .

“Arriviamo allo spogliatoio divorati dalla polvere, la polvere è come una estrema unzione.”

 – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Tratto da: Annibale Biggeri, Maria Triassi, Francesco Forastiere, Conclusioni perizia epidemiologica sull’ILVA di Taranto, 2012.. pp. 219/223.

“Dal 1998 al 2010 i decessi tra i lavoratori del settore siderurgico attribuibili alla condizione lavorativa sono i seguenti: Tumori maligni 41, Malattie neurologiche 10, Malattie cardiache 24”

“Dal 1998 al 2010, dai dati forniti dall’ufficio INAIL di Taranto risultano 1696 malattie professionali denunciate dai lavoratori del centro siderurgico . Tra le malattie denunciate 234 sono riferite alle malattie da asbesto. I tumori non da asbesto causati dalle esposizioni professionali e indennizzati dal 1998 al 2010  sono stati 98, a fronte di 245 denunce”.

“I lavoratori che hanno prestato servizio presso l’impianto siderurgico negli anni 70-90 con la qualifica di operaio hanno subito un eccesso di mortalità per patologia tumorale (+ 11 %) , in particolare per tumore dello stomaco ( + 107 %), della pleura (+ 71 %), della prostata (+50 %) e della vescica (+ 69 %). Tra le malattie non tumorali sono risultate in eccesso le malattie neurologiche (+ 64 %) e le malattie cardiache (+ 14 %). I lavoratori con qualifica di impiegato hanno presentato eccessi di mortalità per tumore alla pleura (+ 135 %) e dell’encefalo (+ 11 %)”.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

L. Bisceglia, G. de Nichilo, M.E. Grassi, T. Giannini, P. Chiumarulo, G. Elia, N. Schiavulli, G. Assennato, Valutazione dell’esposizione professionale ad IPA in lavoratori di cokeria e dell’influenza di polimorfismi metabolici sui livelli dell’indicatore di esposizione, G Ital Med Lav Erg 2004; 26:4, Suppl, pp. 25/26.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

L. Bisceglia, G. de Nichilo, G. Elia, N. Schiavulli, A. Minerba, L. Greco, G. Assennato, Valutazione dell’esposizione professionale a IPA in lavoratori della cokeria dello stabilimento siderugico di Taranto mediante monitoraggio biologico, in Supplemento a “Epidemiologia & Prevenzione”, settembre-dicembre 2005,  pp 42/44.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Antonella De Palma, Taranto. Ilva: la grande disillusione, in Ariella Verrocchio (a cura di), Storia/storie di amianto, Ediesse, 2012, pp. 81/90.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Rassegna stampa Morti, feriti & vessati all’ILVA: scarica qui.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Tribunale di Taranto, Decisione sulla richiesta di riesame avverso ordinanza del GIP, 7 agosto 2012, p. 123.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Gabriele Caforio, L’Ilva di Taranto tra interessi industriali e politiche ambientali, (tesi di laurea), 2012, p.164.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...