Archivi tag: Amianto

MORIRE D’AMIANTO. LEGALMENTE

Roberto Suozzi intervista Laura Mara (*)

Sappiamo, da moltissimo tempo che l’amianto è una sostanza che può provocare il cancro negli esseri umani, tumore ai polmoni e mesotelioma e il mesotelioma peritoneale, rappresenta circa il 20-30% dei mesoteliomi. Continua a leggere MORIRE D’AMIANTO. LEGALMENTE

IL FILO ROSSO DELL’AMIANTO E DI STEPHEN SCHMIDHEINY TRA ITALIA E AMERICA LATINA

Fabrizio Lorusso (*)

Amianto dangerLo portavano sempre con sé i pompieri, dentro le loro uniformi. Isola tetti, pareti e tubature. E’ fibroso, incombustibile, mortale. Non è un indovinello, ma la descrizione dell’amianto o di una sua varietà, l’asbesto, un minerale di fibre bianche, flessibili e assassine. Continua a leggere IL FILO ROSSO DELL’AMIANTO E DI STEPHEN SCHMIDHEINY TRA ITALIA E AMERICA LATINA

IL SILENZIO DELLA POLVERE: UNA STORIA MERIDIONALE DI AMIANTO

Giovanni Iozzoli (*)

isochimicaLa storia che è al centro del saggio Il silenzio della polvere è tragicamente esemplare – una storia di operai e territori avvelenati da lavorazioni assassine. Le cronache e la letteratura sociologica di questo paese, sono piene di storie così. Il maledetto amianto poi, ha seminato e continua a seminare morte ovunque. Continua a leggere IL SILENZIO DELLA POLVERE: UNA STORIA MERIDIONALE DI AMIANTO

HAI MAI CONOSCIUTO UN ESSERE UMANO PIU’ TRISTE DI UN OPERAIO ?

Sandro Moiso (*)

valenti 1Stefano Valenti, La fabbrica del panico, Feltrinelli 2013 – 2014, pp. 122, € 11, 00

Recensisco soltanto ora, con colpevole anche se inconsapevole ritardo, uno dei testi narrativi più significativi pubblicati in Italia negli ultimi anni. Stefano Valenti, al suo primo romanzo, non solo ha vinto la cinquantaduesima edizione  del Premio Campiello per la migliore opera prima, ma ha scritto un testo cupo ed agghiacciante. Coinvolgente dalla prima all’ultima pagina, senza mai un calo della tensione che lo ha ispirato. Continua a leggere HAI MAI CONOSCIUTO UN ESSERE UMANO PIU’ TRISTE DI UN OPERAIO ?

IL SILENZIO DELLA POLVERE. Capitale, verità e morte in una storia meridionale di amianto

Antonello Petrillo (*)

Il silenzio della polvere[Negli anni Ottanta, in una piccola città del Meridione interno, centinaia di giovani vengono radunati su di un piazzale in periferia. A tutti coloro che hanno meno di vent’anni viene chiesto di fare un passo in avanti: un’impresa, costituita per l’occasione, li assumerà per effettuare una delle operazioni più inquietanti della storia industriale del nostro Paese.

A mani nude, senza mascherine né tute protettive, decoibenteranno dall’amianto – in pieno centro abitato – poco meno che l’intero parco rotabile (vagoni ed elettromotrici) delle Ferrovie dello Stato.

L’indagine socio-etnografica di URiT sull’Isochimica di Avellino ricostruisce attraverso le biografie dei sopravvissuti (operai e abitanti del quartiere, molti dei quali gravemente ammalati), le omertà e i silenzi delle istituzioni di controllo e del ceto politico locale.

Una vicenda apparentemente incredibile, che può essere invece considerata un paradigma delle modalità attraverso le quali alcuni territori, economicamente e socialmente “deboli”, sono stati costituiti in sede privilegiata per la localizzazione di lavorazioni pericolose. Quello che segue è l’intervento di Antonello Petrillo, coordinatore dell’indagine durante la presentazione al Festival del Cinema dei Diritti Umani dell’8/12/13.]

Continua a leggere IL SILENZIO DELLA POLVERE. Capitale, verità e morte in una storia meridionale di amianto

VAL DI SUSA: UNA MONTAGNA DI AMIANTO. INTERVISTA A FULVIO PERINI

Fulvio Perini è stato Segretario generale della CGIL del Piemonte dal 1985 al 1988, e Segretario della Associazione “Ambiente e Lavoro” piemontese. Ha fatto parte del Gruppo di lavoro “Profili di Rischio” dell’ISPESL. Svolge attività di consulenza e di formazione per l’International Labour Office (ILO) sempre sui problemi della salute dei lavoratori. Consigliere del CNEL nella VII Consiliatura.

RIFLESSIONI SUL PROCESSO ETERNIT

Rosalba Altopiedi (*)

Eternit 8«Alla fine la prescrizione non risponde a esigenza di giustizia sociale, ma stiamo attenti a non piegare il diritto alla giustizia sostanziale; il diritto costituisce un precedente; piegare il diritto alla giustizia oggi può fare giustizia, ma è un precedente che domani produrrà mille ingiustizie.  Continua a leggere RIFLESSIONI SUL PROCESSO ETERNIT

GLI STRUZZI

C. Misin

oscar_misin[Oscar Misin era un lavoratore della Centrale di Turbigo che si è sempre battuto per migliori condizioni di vita e di lavoro, in particolare contro l’amianto. Era uno dei fondatori dell’Associazione Italiana Esposti Amianto (AIEA), iscritto a Medicina Democratica (MD). Oscar è morto di mesotelioma pleurico, come altri sette suoi colleghi. Qualche giorno fa un’altra sentenza della vergogna l’ha ucciso di nuovo, con l’assoluzione degli dirigenti dell’Enel responsabili della centrale.] Continua a leggere GLI STRUZZI