Archivi tag: Compagni

PER RICORDARE MARIA, PER CONTINUARE LA LOTTA

Clash City Workers (http://clashcityworkers.org)

Maria BarattoNon ce la facciamo più. Dopo Giuseppe De Crescenzo, operaio di Pomigliano che si tolse la vita il 5 febbraio di quest’anno, arriva un’altra brutta notizia: si è suicidata Maria Baratto, operaia del reparto logistico Fiat a Nola. Da sei anni in cassa integrazione, con l’ammortizzatore sociale che sarebbe scaduto il prossimo 13 luglio. Non possiamo che ripetere, per quest’ennesima tragedia, le stesse parole che scrivemmo per Pino:

“Noi non sappiamo quale disperazione ti porta a toglierti la vita, se davvero si possono trovare delle “cause” per un tale gesto, ma sappiamo di sicuro che se metti una persona a fare una vita difficile, dura, se gli togli il lavoro, e la lasci per sei anni in cassa integrazione, se non gli dai speranza e prospettive, ogni momento di dolore si fa più difficile, ogni difficoltà, anche personale, si fa enorme […] Per questo pensiamo che i responsabili di questa morte siano da ricercare nella dirigenza della FIAT, in Elkann, in Marchionne, nei sindacati complici, che hanno consapevolmente ingannato e tradito i lavoratori, che ne hanno peggiorato le condizioni con l’Accordo di Pomigliano del 2010. Un Accordo-truffa, che scambiava i diritti con il mantenimento dei livelli occupazionali, e che alla fine ha distrutto questi e quelli. Mentre si è sempre più sfruttati, si è sempre, anche più, disoccupati”. Continua a leggere PER RICORDARE MARIA, PER CONTINUARE LA LOTTA

Annunci

I VESTITI ROSSO SANGUE

Rana_PlazaIl Bangladesh offre agli operai molteplici opportunità di morire: nell’incendio di una fabbrica  o sotto le sue macerie, negli scontri di piazza o sotto tortura.

Il crollo del Rana Plaza è solo l’ultima strage di una lunga serie. Secondo i dati ufficiali del  governo bengalese sono 454 i lavoratori e le lavoratrici del settore abbigliamento morti negli incendi dal 2006 al 2010, a cui si aggiungono i 112 della Tazreen Fashions nel 2012. Quanto ai crolli, nel 2005 era già collassato l’edificio della Spectrum, causando 64 morti e 74 invalidi. Continua a leggere I VESTITI ROSSO SANGUE

UNA CHIMICA CONTRO NATURA

Recensione di Gugliemo Ragozzino da Il Manifesto del 27 marzo 2013

il caso italianoUn imponente volume pubblicato dalla casa editrice Jaca Book, a cura di Pier Paolo Poggio e Marino Ruzzenenti, indaga il difficile rapporto fra industria e ambiente, raccontando storie di inquinamento e profitto, come quella del venefico piombo teatraetile

«I fabbisogni idrici di un complesso chimico, come quello dell’Acna di Cengio, sono ingenti e tendono ad eguagliare quelli di una città come Venezia». Una recensione a Il Caso italiano – Industria, chimica e ambiente può anche cominciare dalla frase che precede. Continua a leggere UNA CHIMICA CONTRO NATURA

LA LISTA DI GIUSEPPE

burgarella

Di lavoro si muore, di non lavoro pure.

Il tre febbraio si è ucciso a Guarrato (Trapani) Giuseppe Burgarella, 61 anni, operaio edile e sindacalista. Non era un funzionario sindacale col culo al caldo, Giuseppe, in una terra dove fare sindacato nel settore più amato dai mafiosi non ti comporta vantaggi, semmai minacce e intimidazioni. “Qui – dice il fratello – chi è di sinistra, chi fa sindacato, è segnato, non è facile che trovi lavoro chi è così schierato a difendere i diritti”.  Continua a leggere LA LISTA DI GIUSEPPE

L’EREDITA’ DI MICHELANGIOLO

Un intervento di Michelangiolo Bolognini

Bolognini1“Ci sono uomini che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili” (B. Brecht, Vita di Galileo).  Michelangiolo Bolognini era uno di questi. Infaticabile, competente, generoso, intransigente contro l’ambientalismo di facciata: è questa l’immagine che emerge dai numerosi attestati di stima e di dolore che hanno fatto seguito alla sua morte, il 25 agosto scorso. Lo ricordano al loro fianco nelle lotte contro gli inceneritori e le discariche numerosi comitati di base, associazioni e gruppi impegnati nella difesa dell’ambiente e della salute, oltre ovviamente all’ ISDE e a Medicina Democratica, le associazioni in cui militava. Continua a leggere L’EREDITA’ DI MICHELANGIOLO